porto

“Non ho bisogno che sia facile, ho bisogno che ne valga la pena…”.

Tell a Friend
Chiedo ad ognuno di Voi, se possibile,  di compiere un piccolo sforzo affinchè confluisca in un grande aiuto a me e la mia famiglia. La massa notevole di processi che mi sono stati mossi contro per aver detto scomode verità, costituisce un impegno finanziario per noi insormontabile.
Grazie di cuore. Marco

DONAZION RICEVUTE


ninin

.....
trucoli
banner_pic_casadellalegalita.png
rivierapress
notav

logo-paolo-franceschetti

imperiaparla.jpg

trucioli.jpg

 trenette.jpg
alberto.jpg
ilsecolo.jpg
 
ilfattao.jpg

PUNTO
RIVIERA24
sanremonews2.jpg

uomini.jpg
nuovacosenza

ilmattino

logo-ponenteoggi

democrazia
democrazia2


roberto

zemia


marco1.jpg
Ventimiglia Città Sospensorio!!
27 maggio 2016
ioculano-francisQuesta mattina, nel saluzzese, prima delle sei ed andando a scaricare una parte delle mie api, apprendo da Radio Deejay che il sindaco di Ventimiglia Ioculano di é dimesso in segno di protesta nei palle-toroconfronti del governo, per la solitudine nella quale lo hanno lasciato, di fronte all'emergenza migranti che attanaglia la nostra città.
Ho apprezzato il gesto che purtoppo,  a breve giro, scopro non esser stato quello.
Ioculano non si é dimesso da sindaco ma si é sospeso dal PD. I pony express che gli portano le borse, in coro: _anch'io, anch'io!_
Oggi la locandina de Il Secolo XIX recitava: Ioculano minaccia di uscire dal PD
La prima frase che mi é sgorgata al cuore é stata: ma chissenefrega!Ma chissenefrega!!! Se il PD scomparisse proprio, qualcuno dell'Italia che sgobba se ne accorgerebbe forse?
Io a sedici anni avevo letto già diversi libri di apicoltura ed acquistato il mio primo alveare.Lui a quindici si é iscritto al PC o alla Quercia, o all'Olivo, o al PDS, non so esattamente a cosa,si é attaccato ad un ramo e lo ha tenuto stretto. Di cercarsi un lavoro ancora non gli é passato in mente, maturerà.
A Ioculano che si é autosospeso dal PD  lasciando la città intera senza fiato, ha risposto duramente il consigliere di minoranza Roberto Nazzari che si é autosospeso dalla Bocciofila di Roverino e dal C.S.P.M.B., ossia, il Circolo Sportivo di Pesca con la Mosca Bianca.Ora tremiamo proprio.
Ventimiglia, Porta d'ingresso ma non d'uscita d'un Italia cogliona, Città Sospensorio!!
M.B
 
Il Sindaco di Camporosso Gibelli premiato dal Dottor Cantone, cantore della Legalità ed Anticorruzione
26 maggio 2016
A Sanremo, al Festival della Legalità presieduto dal Dottor Cantone, il Sindaco di Camporosso Architetto Davide Gibelli siedeva in prima fila, Dio alla sua destra.coppa-campioni
Al termine della cerimonia, ecco le motivazioni della consegna del premio

"La legge ha lo scopo di evitare la diffusione dell'illegalità negli enti pubblici. Agisce su piccole violazioni al fine che non si crei quel contesto idoneo a far intervenire la Magistratura con azioni di repressione".
Camporosso è stato  il primo Comune della Liguria ad essere sanzionato dall'Autorità Nazionale Anticorruzione da me presieduta.
Seimila euro di multa equamente ripartiti tra il Sindaco di Camporosso Davide Gibelli, il Vice Sindaco Maurizio Morabito, gli Assessori Fulvia Raimondo, Cristiana Celi, Fabio Gastaldo e il Segretario comunale Marcello Prata*
Bravi!!
Raffaele Cantone

amministrazione-gibelliAl termine della premiazione, il Prefetto di Imperia Sua Eccellenza Silvana Tizzano ha chiesto al sindaco se aveva inaugurato il registratore in prata-motoconsiglio comunale la sera prima.
_Ha una domanda di riserva?_ rispondeva laconicamente il cittadino Davide, nella foto in mezzo ai prataioli, ancora una volta ammirevolmente primo.

*l'Easy Rider della foto a fianco




Per saperne di più: la sanzione,   il ritiro del premio


 
Renzi e tutto il Parlamento italiano meglio di Putin e della Duma
25 maggio 2016
censura-linguaCarcere ai giornalisti, su proposta del Pd la Casta chiede fino a 9 anni per chi diffama politici e pm: sì in commissione
Grande pasticcio in commissione Giustizia a Palazzo Madama. Dove la senatrice dem Doris Lo Moro, toga in aspettativa, ha presentato il disegno di legge ora all'esame dell'Aula. Un giro di vite per i cronisti grazie ad una norma su misura infilata in un provvedimento sulla tutela degli amministratori locali dalle intimidazioni. Giallo sul voto del M5S: "Non saprei, non ricordo, la cambieremo". Ma Giovanardi accusa i grillini: "Avete bocciato i miei emendamenti correttivi". Proteste dall'Ordine dei giornalisti e dalla Fnsi
Leggi l'ARTICOLO

Incredibile, siamo al fascismo a fascicoli,a dispense settimanali.Solo la parte lurida ed affaristica che prende ordini oltre oceano. Poi ti processano se fai il saluto romano, in questo porcile nel quale nessuno ha mai indagato sulla fine che Togliatti destino' ai nostri doris-lo-moroprigionieri in Russia e che non ha saputo tutelare i nostri soldati né in Bosnia né a casa.
Non resta che far firmare gli articoli a colleghi residenti all'estero che non abbiano più voglia di mettere piede sul Sacro Suolo.
Questo é consociativismo criminale allo stato puro e questo sistema deve frantumarsi affinché possa risorgere qualcosa di pulito.
Ora mi aspetto che da Magistratura Democratica parta una mobilitazione senza precedenti.Qualcuno di voi mi legge senz'altro.
Marco Ballestra

Dal C.V. de Lo Moro di Lamezia

Nel 2014, nella giunta delle elezioni e delle immunità parlamentari, vota contro l'autorizzazione ad utilizzare le intercettazioni telefoniche a carico del Senatore Antonio Azzollini, respingendo la relazione del Senatore Felice Casson (del suo stesso partito, PD).[2]. Azzollini era indagato per una maxi truffa da 150 milioni di euro legata all'opera di costruzione del porto di Molfetta, appaltata nel 2007 e mai terminata.[3]                               le parole e la traduzione dell'Inno della Brigata Sassari
 
Ventimiglia: é morto il vescovo emerito Giacomo Barabino, le sue spoglie verranno tumulate nella Cattedrale della città vecchia
25 maggio 2016barabino-giacomo-12935.660x368
Diocesi di Ventimiglia Sanremo in lutto, è morto il vescovo emerito Giacomo Barabino
Figura carismatica molto amata dai fedeli della chiesa del ponente

Articolo e foto di Riviera24.it

Sanremo. Era una figura carismatica per la chiesa, molto stimata e seguita dai fedeli della Diocesi di Saremo e Ventimiglia. All'età di 88 anni è scomparso questo pomeriggio, poco dopo le 17, nella casa Rachele Zitomirski di Vallecrosia monsignor Giacomo Barabino, era il vescovo emerito della Diocesi.
Il prelato era nato a Livellato di Ceranesi il 2 aprile 1928. Una carriera fulminante la sua. Era stato ordinato presbitero il 29 giugno 1952 dall'arcivescovo Giuseppe Siri (poi cardinale), era stato nominato vescovo il 25 maggio 1974 da papa Paolo VI e consacrato vescovo il 24 giugno 1974 dal cardinale Giuseppe Siri. Durante un periodo caldo in Italia come in Europa, il 14 ottobre 1940 era entrato nel seminario minore del Chiappeto a Genova, dove ad accoglierlo fu il rettore Pietro Zuccarino. Dodici anni dopo, esattamente il 29 giugno 1952, era stato ordinato presbitero, nella cattedrale di San Lorenzo a Genova, dall'arcivescovo Giuseppe Siri.

Un curriculum di tutto rispetto per il prelato ligure. Dopo l'ordinazione ha svolto il suo ministero nella parrocchia di Pegli ed in seguito in quella di San Siro a Nervi. Il 14 luglio 1953 è stato cattedrale-di-ventimiglianominato segretario personale dell'arcivescovo, incarico ricoperto per un periodo lungo vent'anni. Ma i sanremesi lo ricordano per un'altra data diventata storica per tutta la Diocesi: il 7 dicembre 1988 Papa Giovanni Paolo II lo aveva nominato vescovo di Ventimiglia-San Remo; succedendo ad Angelo Raimondo Verardo, dimessosi per raggiunti limiti di età. Il 5 marzo 1989 aveva preso possesso della Diocesi, nella cattedrale di Ventimiglia. Il 20 marzo 2004 lo stesso Papa aveva accolto la sua rinuncia, presentata per raggiunti limiti di età. In Diocesi aveva fatto il suo ingresso e Alberto Maria Careggio, fino ad allora vescovo di Chiavari. Oggi la Diocesi è retta da monsignor Antonino Suetta.

 
Migranti Il Sindacato Autonomo Polizia ” Situazione aggravata dalla chiusura centro accoglienza”
24 maggio 2016
Bell'articolo di RivieraPress.it e parole piene di buon senso da parte del Sindacato Autonomo di Polizia. Ma il buon senso sembra scorrere sui vertici istituzionali del nostro Paese come l'acqua sulla tela cerata.

Situazione in città estrema, ma anche condizioni di lavoro dei Poliziotti al limite viste le pecche degli uffici in cui lavorano. Sarebbero bastati 5 minuti di tempo al Ministro Alfano per rendersi contopolizia-generica-1132 della reale situazione. Lo scrive il Sindacato Autonomo di Polizia

Ventimiglia – La visita a Ventimiglia del Ministro degli Interni Alfano sarebbe stata un occasione importante e significativa ma che, com'è evidente a tutti oggi, si è tramutata in una passerella politico-mediatica.
Lo stesso Ministro aveva riferito che sarebbe venuto in visita a Ventimiglia anche per verificare la situazione reale e ,invece, ha speso il suo prezioso tempo per visitare la bellissima villa Hanbury e il nulla presso le locali frontiere terrestri.

Peccato che non abbia avuto l'ardire di visitare anche gli uffici e i luoghi dove i "suoi" poliziotti sono costretti a lavorare e vivere tutti i giorni.
Bastavano solo 5 minuti del suo prezioso tempo per capire.
La realtà in Ventimiglia è estrema; in due giorni sono arrivati oltre 100 migranti via treno ed in un solo giorno la Caritas e la Croce Rossa hanno servito quasi 200 pasti.
Un flusso costante ed in aumento, che grava ora tutto solo sui esausti uomini del locale Commissariato di PS che si trova a trattare principalmente atti relativi ai migranti.
I luoghi di lavoro in condizioni precarie a causa di un immobile demaniale che per decenni non ha mai ricevuto un adeguato mantenimento strutturale, l'insufficienza di personale aggregato qualificato in materia di immigrazione, la marea di atti formali correlati al fermo delle centinaia di migranti presenti sul territorio, i possibili rischi sanitari, imprevisti di ogni genere, costringono i locali poliziotti a dover gestire, come possono, l'attività straordinaria di polizia e, con non comune senso del dovere, assicurare sempre e comunque anche quella ordinaria.
Invece, dal Ministro Alfano, abbiamo: il depauperamento dell'organico con circa il 30 % in meno di poliziotti rispetto a soli 10 anni fa; l'età media di 47 anni; la mancanza di fondi per la manutenzione strutturale e l'adeguamento normativo degli uffici; dotazioni speciali insufficienti per far fronte alle crescenti sfide che questo territorio di confine presenta; l'impossibilità di sostituire periodicamente i capi dell'uniforme lisi e/o danneggiati in servizio.
Il forte disagio che esterniamo è un vero proprio grido d'allarme, perché oltre ai problemi provinciali della Polizia di Stato, si sommano i riflessi di una politica nazionale miope e inadeguata alle attuali emergenze di ordine e sicurezza pubblica.
Se il Signor Ministro avesse accolto il nostro invito a visitare anche il Commissariato di Ventimiglia, avrebbe verificato che la struttura in cui operiamo è ormai logora ed avrebbe bisogno di un' urgente ristrutturazione generale per rendere idonea e, magari, dignitosa al rango istituzionale che svolge.
Negli ultimi anni, spesso e volentieri, gli stessi poliziotti, pur di vivere in ambienti igienicamente consoni, hanno da soli imbiancato e pulito i locali e gli uffici in cui vivono quotidianamente.
Avrebbe, constatato che i suoi uomini, nonostante le condizioni precarie e la mancanza di quelle risorse essenziali per garantire il servizio a cui sono chiamati, hanno comunque garantito e presidiato un territorio in circostanze difficili e non con pochi sacrifici personali e familiari.
Per questo motivo riteniamo che Lei, signor Ministro Alfano, abbia perso una grande occasione: quella di conoscere, direttamente dalla voce dei poliziotti che ogni giorno sul territorio di questa provincia rappresentano l'istituzione da Lei governata, le oggettive difficoltà in cui incorrono e vivono quotidianamente e avrebbe potuto, qualora avesse veramente voluto, constatare direttamente le condizioni di degrado in cui verte il Commissariato di Ventimiglia.

 
Denis Verdini Presidente Nazionale dell'A.N.P.I.
24 maggio 2016denis-verdini
Se vince il Si son pronto anche a questo, son pronto a tutto.
Già gli etruschi della P14 ci hanno fatto arrivare dove siamo
A.R. (Argo Ritmo)
 
Camporosso:questa sera primo Consiglio comunale con il registratore
23 maggio 2016morabito-gibelli-spiaggia-intera
Spalancati alla Legalità
Fino ad oggi il sindaco di Camporosso Davide Gibelli non ha mai voluto che del consiglio comunale restasse una traccia sonora e si é sempre detto contrario all'uso di un registratore, opponendosi seccamente di fronte alle richieste della minoranza.
L'aria che tira
Ieri c'é stata l'intitolazione della struttura polifunzionale di Bigauda realizzata dalla scorsa amministrazione Civardi-Bertaina e l'amministrazione in carica se n'é guardata bene da invitarne i componenti.
I due presenti, Bartaina e Alberti, sono venuti "autoinvitandosi" per onorare la Memoria del magistrato Giovanni Falcone.
Fenomenale
Il vicesindaco Maurizio Morabito aveva preparato un discorso molto bello ed aveva suggerito al sindaco di impararlo a memoria.Non s'é riusciti nell'impresa e Davide Gibelli si é messo a leggere davanti al microfono con il fogliettino in mano come un bimbo dello Zecchino d'Oro durante le prove.
Da due settimane il sindaco di esercitava a togliere il lenzuolo appoggiato alla scritta da inaugurare ma nello sforzo mescolato all'emozione non é riuscito, nonostante vari tentativi.Il vicesindaco Maurizio Morabito ha preso l'iniziativa riuscendo nell'impresa al primo colpo.Poi é partito con il lenzuolo-trofeo come i bimbi con il codino della giostra.
Promessa davanti al Prefetto
Finita la parata di coloro che si sono schierati dalla parte della Legalità, ho avvicinato Sua Eccellenza il Prefetto di Imperia Dottoressa Silvana Tizzano e gli ho detto: a propostito di Legalità e trasparenza, ma lo sa che il sindaco non vuole neppure il registratore durante i consigli comunali?
Allora in sindaco é sobbalzato sui tacchi ed ha affermato che non hanno nulla da nascondere e che a provarlo, il giorno dopo, questa sera, farà la sua comparsa nell'aula consiliare proprio un bel registratore;


Se non riuscirà a premere sufficentemente forte sul tasto play-record, l'Architetto Davide Gibelli (a sx) potrà sempre contare sulla maschia presenza del suo vicesindaco Morabito (a dx)

Chiaramente la promessa davanti al prefetto me la sono sognata stanotte.
Passata la festa gabbata la senatrice ed anche il prefetto, pardon, lo Padre Santo.
Marco Ballestra

registratore
 
Ventimiglia, il campo informale tra emergenza sanitaria e diritto alla salute
23 maggio 2016
Chiuso il centro di accoglienza, a Ventimiglia sono sorti diversi accampamenti informali, che ospitano decine di persone. "Era Superba" è andata a documentare la situazione, rilevando una condizione sanitaria precaria, di cui le istituzioni sembrano sottovalutarne la gravità. Ecco le testimonianze raccolte nel campo

N.B.   La foto sotto é stata scattata scattata a Ventimiglia negli ultimi giorni
migranti-gianchette
 
Migranti, Toti ricorda la chiusura del centro di Ventimiglia ma dice: “Anche l’Europa deve fare la sua parte

22 maggio 2016

Caro Toti, ognuno dovrebbe fare la propria parte e Lei é il Presidente della Regione Liguria, un politico di riferimento nazionale.Non é poco.
Faccia la sua parte, dimostri di non essere uno che scarica le proprie responsabilità su altri.toti-549.660x368
Come fate a parlare di occupare militarmente la Libia se non riuscite a dare una sistemazione decente a questi pochi migranti in transito?
Non é possibile l'aver chiuso un centro che pur con mille limiti funzionava, per mettere questi migranti a dececare nel fiume Roya sotto gli occhi di tutti, a dormire tra i topi.
Il Prefetto é una persona intelligente e sensibile e il Vescovo parla come Papa Francesco. 
Mi pare ci siano le condizioni d'unire le forze e fare.
A poca distanza da questo accampamento ignobile c'é l'area del parco ferroviario inutilizzata.
Fate qualcosa, per cortesia.La Città di Ventimiglia, l'Onorabilità del nostro Paese non puo' più tollerare uno scandalo del genere.
Non ascoltate la parte più becera del vostro elettorato, l'Italia é sempre stato un paese di emigranti verso ogni angolo del mondo.
Grazie
M.B.


Ventimiglia, Campo Roja: 300 i migranti presenti, situazione al limite

una passaggio dall'articolo di RivieraPress

La seconda iniziativa, portata avanti questa mattina dal Blogger Marco Ballestra è stata quella di chiedere di persona al Prefetto Silvana Tizzano, a margine dell'incontro di oggi a Camporosso (leggi qui: Fotonews Camporosso Pala Bigauda )di installare almeno dei Bagni Chimici nei pressi del Campo Roja, una richiesta che anche parlando con i residenti appare chiara: in questo momento le persone che vivono nella zona non hanno un posto per poter adempiere ad una normale e necessaria funzione fisiologica dell'uomo se non acquattarsi alla bene e meglio ove capita.

 
A Camporosso si danno una medaglia alla memoria (e alla faccia) di Giovanni Falcone
21 maggio 2016falcone-pensiero
Domani, domenica 22 maggio 2016, l'attuale amministrazione comunale di Camporosso si appunterà al petto un'altra medaglia della Legalità.
Questa volta, da associare alle facce loro, quella di Giovanni Falcone,un magistrato simbolo dell'impegno civile e professionale.Uno talmente scomodo in vita che gliela tolsero.
Questa cerimonia di domani mi ricorda quei funerali palermitani nei quali i mandanti degli omicidi sedevano in prima fila davanti al feretro.
morabito-gibelli-terzoL'attuale amministrazione di Camporosso é frutto dello storico  elettorato locale del PD. Il più votato alle ultime amministrative é stato un'ex di Alleanza Nazionale con simpatie per Casa Pound, Signor Maurizio Morabito(nella foto in basso a dx).Una volta non passato per mancanza di voti e l'altra travolto da un'incredibile successo.
Ma questa amministrazione quanto é titolata ad associare la propria anima con quella del magistrato martire?
Quanto é efficente, trasparente e legale?
Alcuni punti che potrebbero essere oggetto di riflessione
1)al progetto ereditato della passeggiata a mare si é preferito fare una variante:invece di farla diritta spostando a costo zero per la collettività uno locale stagionale,  si é preferito fare una doppia curva a costi lievitati per il comune, fare il giro attorno al locale che di fatto, a fine stagione, nessuno smonta.
2)al progetto ereditato di nuovo ponte dell'Aurelia sicuro da un punto di vista idraulico s'é preferito rinunciare.La nuova viabilità sarebbe passata  vicino alla villa del Consigliere di maggioranza Chiappori.
3)al progetto ereditato della pista ciclabile per Dolceacqua  sono apportate delle modifiche.Ora sono pure aumentati notevolmente gli oneri di sicurezza.Riusciranno a terminare il tracciato?.
4)l'accesso agli atti pubblici é ostacolato in ogni modo a cittadini e consiglieri di minoranza.Ogni scusa é buona per negarteli, anche per anni.
5)nei consigli comunali si annota solo quello che si puo' (non dico si vuole) perché a richiesta espressa della minoranza, il sindaco Gibelli, ha detto no all'uso del registratore.
6)la pratiche edilizie corrono con tempi e risultati davvero diversi tra loro. Una mia richiesta di sanatoria passata favorevolmente in tutti gli enti é ancora bloccata dal 2000. Dal 2004 devo 10.500 euro al comune e nessuno me li ha mai chiesti.L'ommissione degli atti d'ufficio é un reato anche a Camporosso oppure vanno in deroga?
Quando l'ho saputo lo scorso anno, ho voluto darli.L'attuale sindaco Davide Gibelli (nella foto sopra a sx) non li ha voluti prendere.(Falcone direbbe:minchia!!)
I miei danni sono dovuti in parte ad opere realizzate dal Comune di Camporosso  in difformità da quanto autorizzato dalla Provincia ma l'Ufficio Tecnico se ne infischia e la Città di Camporosso, con due megadiscariche abusive nel torrente Nervia che nessuno rimuove, si costituisce parte civile nel processo contro di me per aver alzato il mio terreno privato mediamente di settanta cm.
Per costituirsi contro di me l'attuale amministrazione ha nominato un avvocato che spesso ha difeso imputati per reati dati dai giornali come fatti di mafia.
7)il 10 DICEMBRE 2015 l'ANAC Autorità Nazionale Anti Corruzione commina una sanzione in denaro gli attuali amministratori per la cosi' poca efficenza in termini di trasparenza.
8)recentemente, per il ritardo nella presentazione del bilancio previsionale l'opposizione ha chiesto alla Prefettura di avviare la procedura discioglimento.
9)le recenti assunzioni al supermercato Mercato' hanno visto amici e parenti degli amministratori in carica baciati da una fortuna che non ti dico.
10)Nel dicembre 2014 hanno sparato in un piede ed in una gamba, una mattina di giorno di mercato ad un consigliere di maggioranza Cordi' ed al suo bodyguard e nessuno vide e senti' nulla.
Se il capogruppo del PD Aldo Rossi fosse riuscito a togliere il proiettile dal piede di Cordi', Forze di Polizia ed Autorità Giudiziaria non avrebbero mai saputo di questo regolamento di conti che ha visto come sfondo sempre una storia di posti di lavoro.Purtroppo Rossi non riusci' nell'intento e dovettero ricorrere al Pronto Soccorso ed il fatto criminale oltrepasso' le mura di Geriko.(Il Secolo XIX  e La Stampa diedero ampio risalto all'incredibile vicenda)     ....e se c'ero dormivo: guardati il filmato 
11) nel Consiglio comunale che segui', ne veniva ancora a loro, nessuno si dimise. Allora, nessuna forza politica disse una parola di condanna contro questo protocollo omertoso, tanto meno il PD.
Del PD domani alla cerimonia ci sarà la Senatrice Donatella Albano. A rappresentare lo Stato in questa fase di piena restaurazione  scajolocratica ci sarà il Prefetto di Imperia Dottoressa Silvana Tizzano.

Per i punti di cui sopra e per molti altri che non vi ho elencato per non annoiarVi, l'uso dell'immagine di Giovanni Falcone a Camporosso e con questi amministratori mi pare un particolarmente forzata, quasi un'insanabile abuso.
Un caro saluto dal vostro Marco Ballestra




 
Verità per RegENI
20 maggio 2016distributore-agip
 
Il Paese dei carrofunebrai
20 maggio 2016marco-pannella
Morto Pannella tutti, spine della stessa rosa, son dei suoi.

Nel giugno del 1978, appena compiuti diciotto anni, mi recai  in comune a Ventimiglia per firmare a favore dei cinque referendum abbrogativi  proposti dai Radicali, tra i quali quello sulla interruzione spontanea della gravidanza.. Non era più possibile farlo da un giorno o due, restava solo la possibilità, per pochissimo tempo, nel capoluogo di provincia Imperia.
Salii sul treno ed andai a firmare.
Ero partito bene, é dopo che mi son perso per strada.
Marco
 
"Il lavoro al tempo della crisi, non solo un problema economico"
19 maggio 2016sgarabottolo-ioculano
E' datata 9 maggio la lettera indirizzata a tutti i dipendenti del Comune di Ventimiglia a firma del Sindaco Ioculano e dell'Assessore al Personale Faraldi.
L'oggetto: il richiamo al rispetto nei confronti della Dottoressa Silvia, fidanzata o ex fidanzata del primo cittadino assunta ed elevata al grado di portavoce del sindaco.
Quindi, in questo caso, il buon Faraldi diventa l'Assessore al più che Personale, una sorta di Intimo di Carinzia.

Precari non si torna!
Guardate cosa andava in scena nel 2012

Camporosso: dibattito sulla crisi e sul lavoro alla Festa Democratica
Domani 10 agosto 2012, alle ore 18, presso il Palatenda in località Bigauda di Camporosso, nella cornice della Festa Democratica, organizzata dal circolo PD locale.
Intervengono all'incontro: il senatore PD Tiziano Treu, già Ministro nel corso del governo Prodi ed esperto giuslavorista, il consigliere regionale della Liguria, Giancarlo MANTI Presidente della V^ Commissione Cultura, Formazione e Lavoro.
Coordina il dibattito: Teodoro Panetta, Segretario Circolo PD Camporosso.
Testimonieranno la loro personale condizione due giovani laureati, lavoratori precari, Enrico Ioculano e Silvia Sgarabottolo.     Vai all'ARTICOLO di PonenteOggi  Il patetico video su You tube l'hanno fatto sparire

Tenete conto che Teodoro Panetta era il candidato sindaco del PD a Ventimiglia, sostituito all'ultimo minuto da Enrico Ioculano,  allora portaborse del Consigliere Regionale Sergio Scibilia.
Enrico Ioculano vince le elezioni al ballottaggio quando la 'ndrangheta ed un'inchiesta sulla compravendita di voti dimezzano il numero di coloro che si recheranno alle urne.
Piazzato lui, piazza la sua fidanzata o fumante ex (come la pistola dei migliori western), ed ora pretende, giustamente, "rispetto".

Dal 2012 i genitori della Silvia Sgarabottolo si sono dati da fare, come sempre, come hanno nel sangue i compagni con un piede in politica.

Giunto dal servizio da Napoli dove prestava servizio, un freschissimo Nicola Catanese luogotenente dei Carabinieri di Ventimiglia, sollecitato da una implorante madre, in nome di una insicurezza presunta, aggrappandosi ad un Regio Decreto sulla Navigazione Fluviale del 1867,  mi sequestra l' escavatore con il quale stavo approntanto i lavori di messa in sicurazza del mio cantiere come l'Ispettorato del Lavoro mi aveva imposto.Me lo piomba come un salame piemontese. L'escavatore verrà dissequestrato settimane dopo dai magistrati di Imperia ed io, nonostante le esortazioni del Luogotenente, non riprendero' più i lavori.
Lo stesso Catanese da almeno diciotto mesi deve prendere a verbale la testimonianza di due persone che hanno visto il padre della Dottoressa Silvia, Signor Leonardo Sgarabottolo,  tirare le pietre all'escavatore nel quale lavoravo e minacciarmi con un bastone.Sono passati diciotto mesi e non ha ancora trovato il tempo di farlo, perché?
Ci sono dei procedimenti in corso tra me e la Famiglia Sgarabottolo,minacce di morte e storie di armi nelle loro disponibilità.
L'Autorità Giudiziaria, per poter decidere con cognizione di causa, non avrebbe diritto di sapere tutte le cose che accadono a Camporosso?
designoliNon é forse dovere di un Carabiniere trasmettere gli atti nella loro integrezza? Se sbaglio, per cortesia, ditemelo.

In provincia s'é già suicidato un blogger, Dario Desiglioli (nella foto a sx) che dopo aver perso il padre aveva i carabinieri che gli correvano dietro la notte per farlo soffiare nel palloncino. Volete colonnello-zarbano portarmi alla stessa disperazione?
Siete in tanti ed io sono solo, se continuate a fare cartello qualcosa accade.

Nella foto a dx, il Comandante provinciale Colonnello Zarbano

Tornado alla Dinasty locale
Circa due anni fa la mamma della Signorina Sgarabottolo, Signora Ferrari Maria Grazia, si é assolutamente inventata una mia aggressione ai danni della sua persona.
Testimoni di questa fiction che ora é finita nelle aule dei tribunali, un pensionato residente che ha assistito alla scena dalla prima fantasiosa telefonata al 113, il postino di Camporosso, un mio dipendente in regola.
Venuti in mio soccorso gli uomini della Polizia di Stato che hanno interrotto questa faticosa commedia con la signora Ferrari che mi spineva come un rugbista, nessuno mi ha convocato in Commissariato, diretto in Tribunale due anni dopo.Poi parlano di ingolfamento della Giustizia.

Al Comune di Camporosso ho segnalato mesi fa l'occupazione da parte di privati di un'area comunale nella quale scorre un antico canale irriguo denominato Beodo.Tra coloro che si sono recintati questa area pubblica proprio l'azienda agricola Sgarabottolo-Ferrari Maria Grazia mamma della Dottoressa Silvia.
Recentemente ho chiesto al comune di essere informato sugli atti relativi e conseguenti la mia segnalazione e mi é stato risposto che la mia richiesta non é sufficentemente motivata e che quindi non me lo dicono.

cantiere-edileA Ventimiglia, nel frattempo, la famiglia del Sindaco Ioculano, non essendo riuscita come primo atto ufficiale del figlio-sindaco a far ridurre le distanze di rispetto dal depuratore,   ioculano-fascia  ha rimisurato con un'altro metro e si é accorta che ora la distanza minima c'é, e sta costruendo una serie di garages interrati in prossimità del Comando del Corpo Forestale dello Stato.

Che questi giovani del PD siano visti di buon occhio da una parte della magistratura lo capisco, son venuti dopo il ciclone dello scioglimento di Ventimiglia per presunti condizionamenti mafiosi.
Li vedo di buon'occhio anch'io, solo andrebbero un pochino calmierati.
Essere democratici con se stessi senza essere troppo rigidi e sbandieratori della Legalità con gli altri.

Per quanto riguarda l'occupazione giovanile, i giovani del PD cercano con le mani, con i piedi e con quanto a loro disposizione di piazzarsi e spesso ci riescono. A volte senza passare per ridicoli concorsi farsa.
Pero', cara Dottoressa Silvia Sgarabottolo, una considerazione su cui meditare te la devo proporre;
Tuo papà é andato in pensione dalle Ferrovie dello Stato a quarant'anni, qualcuno dice trent'otto, poco importa. Tutto legale, ha goduto di un'opportunità che lo Stato Italiano gli ha dato.
Da un punto di vista morale ed economico, tu non puoi negare che i privilegi di cui ha goduto lui han tolto il futuro e la speranza ad almeno un giovane tuo coetaneo.Tu ti arrangi attraverso conoscenze ed ex, ma non tutti hanno i tuoi colpi in canna.
Ora, da sedici anni il Comune di Camporosso, attraverso l'Ufficio Tecnico (hard) Core business, ha commesso una serie di "errori&sviste" nei miei confronti che tengono bloccato il mio progetto imprenditorialeIMG_1107 che potrebbe dare lavoro a tanti giovani e valorizzare tutto il comprensorio, comprese le tue proprietà.
Riflettici, tu sei sicuramente una persona intelligente. Fai tutto quello che puoi e che vuoi, al punto di trasformare questo lavoro in comune a tempo indeterminato e risolvere per sempre il tuo problema occupazionale. Pensa, se puoi, anche un po agli altri.
Buona giornata dal tuo vicino di riferimento Marco Ballestra


nb
Nella foto a destra l'area pubblica recintata che mantiene l'antico canale Beodo, ribattezzato NO-Pasaran, nell'esclusiva disponibilità della famiglia Sgarabottolo-Ferrari.
Perché l'Architetto Gibelli nonché Sindaco di Camporosso non si é immediatamente attivato nella legalità e trasparenza per recuperare queste aree pubbliche, questo percorso pedonale di indiscusso pregio?
Ostacolare l'accesso agli atti ai cittadini ed alla minoranza comunale é la regola.
Bisogna che tutto passi per la magistratura?
E questo l'essere buoni amministratori? Almeno abbiate il buon gusto di non usare il nome di Falcone per ridarvi una riverniciata.
gibelli-sanremonews


 
Migranti: finito di dire, andrebbe fare qualcosa di serio

17 maggio 2016
tizzano-preoccupataVentimiglia é occupata da una massa di migranti che vivono in condizioni miserabili da quando il Ministro Alfano e la Prefettura di Imperia hanno chiuso il Centro della suetta-civileCroce Rossa.
Che debbano essere rimpatriati o sia loro riconosciuto il diritto d'asilo, nel frattempo,  le istituzioni, laiche e religiose, paiono incapaci di dare loro  una branda, una doccia e pasti decenti.
Davvero poco in un Paese che sa sprecare molto.
Questo lasciar bivaccare in mezzo ai topi, a mio parere, é vergognoso.
Le recenti parole del Vescovo Suetta sono belle ed importanti, perché non dargli un seguito?
E ai dipendenti della Cooperativa Il Cammino, messi in serie difficoltà dalla passata gestione, perché non dare loro l'opportunità di un nuovo e gratificante lavoro?

Chi strumentalizza e chi aiuta
I No-Border in occasione dell'ultima manifestazione che si é svolta a Ventimiglia  mi hanno profondamente deluso.Più che cittadini attivi mi sono parsi dei pagliacci da circo impegnati in un pessimo spettacolo
Per quale motivo sbeffeggiare le forze di polizia che fino ad oggi si sono comportati benissimo? Cercano lo scontro, la ferita da esibire alle telecamere.Cercate di non fare loro questo regalo, grazie.
L'amministrazione ed i cittadini ventimigliesi,  mi pare abbiano fatto tutto quanto fosse nelle loro possibilità. Grazie anche a voi.
Ma le istituzioni, quelle che contano, dove sono?

campo-rifugiatiDoverose precisazioni:
non é possibile avere dei cittadini stranieri in casa nostra che si rifiutano di farsi identificare.Non é possibile tollerare questo.
Tutti quelli che vogliono venire in Europa non possono venirci, perché l'Europa sarebbe dal giorno dopo un'ingestibile caos.Tra l'altro, in Africa territori immensi hanno risorse che noi ce le sognamo.Penso solo a cio' che si potrebbe produrre se venissero adeguatamente formati dei giovani apicoltori.
Se i trentacinque euro al giorno che lo Stato spende per alloggiarli fossero gestiti senza arraffare, si potrebbe fare moltissimo prima del rimpatrio dei migranti economici.Potrebbero seguire dei corsi di avviamento all'apicoltura e poi tornare in Italia per fare il tirocinio nelle aziende professionali. In seguito, con il microcredito,  dare loro la possibilità di iniziare in proprio e seguirli attraverso programmi di cooperazione ben studiati.
Perché non farlo? Perché non farlo, visto che noi europei riusciamo a produrre solo in parte il miele che consumiamo?

Aiutare  chi davvero fugge da pericoli concreti o a perso tutto, come nel caso dei siriani o delle minoranze cristiane perseguitate, dovrebbe essere un nostro dovere e per ogni secondo perso dovremmo sentirci tutti colpevoli.
Mi sono rivolto nelle scorse settimane alla Prefettura di Imperia ed al nostro Vescovo Antonio Suetta. Inizialmente avrei voluto organizzare un campo per rifugiati nel mio terreno di Camporosso per dare almeno ospitalità ad alcune famiglie, dandogli la possibilità di trovarsi un lavoro modesto, ai bambini di frequentare le scuole sprovincializzando cosi' i nostri,  e di potersi cosi' inserire nel nostra cumunità.  Tanto entusiasmo iniziale e poi il silenzio.Se non credete nelle mie capacità organizzative vi lascio sgombero il campo.

Il mio terreno lo metto a disposizione a titolo gratuito finché servirà , sia a questi massimi enti che al Comune di Camporosso, a chi avrà il coraggio e la forza di poterlo utilizzare a questo fine.nov2015_185

Io personalmente faccio un passo indietro, mi offro come semplice collaboratore, trovatevi un fenomeno gradito a chi decide e dispone.
Voglio vedere quante settimane andrà ancora avanti questo scempio di Ventimiglia e se i comuni, ognuno per suo conto, potranno aiutare qualche siriano o qualche cristiano iracheno, pakistano o di altre origine, che sta aspettando dietro ad un filo spinato e nel terrore che gli taglino il collo.
Io quello che ho lo metto a disposizione e non solo dei migranti stranieri, anche degli italiani che hanno lo sfratto e sono disperati.
Avanti, abbiate il coraggio di uscire dalle procedure codificate e di inventarvi qualcosa di bello.
Marco Ballestra     

altre foto del terreno in questo post.

I commenti sul mio profilo fb
Marco Delsignore Stavolta sono stupito............mi verrebbe da condividere....prima però guardo che non ho la febbre.........hahahahahahahahahha

Deborah Murante Riflessione corretta e da condividere

Melara Antonino E chi lo fara?

Marco Ballestra Lo faccia chi ha il "padrinaggio" per farlo. Facciamolo insieme, io, Marco Delsignore, Deborah Murante, Melara Antonino, Tonino Suetta, Davide Gibelli, Silvana Tizzano, Donatella Albano, e tutte le persone di buona volontà che hanno la possibilità di dedicargli del tempo e delle energie.Non c'é niente da nascondere, tutto sotto gli occhi di tutti

 
67 elettori e 62 candidati. Nessun furbetto, tutto legale
16 maggio 2016
Elezioni comunali, Carapelle Calvisio: il paese in Abruzzo con 67 elettori e 62 candidati

Sette le liste in corsa, quattro delle quali composte in larga maggioranza da poliziotti, carabinieri, membri della polizia penitenziaria che risiedono fuori Regione.
"Gli appartenenti alle forze di polizia hanno diritto a 30 giorni di aspettativa retribuita perché la legge vieta loro di prestare servizio durante la campagna elettorale - denuncia il sindaco uscente Domenico Di Cesare - è una vergogna, in lista c'è chi è di Barletta e lavora a Milano. E intanto si fanno un mese di ferie"

vai all'articolo de Il Fatto Quotidiano
 
Migranti, Ventimiglia: decine in strada. Vescovo: "Un martirio"
15 maggio 2016  estratto dall'articolo per il Fatto Quotidiano di Pietro Barabino

"Le ingiustizie che vengono perpetrate ai danni dei migranti e di chi cerca di aiutarli le definirei come una forma moderna di martirio". Così il Vescovo di Ventimiglia (Imperia), mons. Antonio Suetta, suetta-imperiapostche aggiunge ai microfoni de ilfattoquotidiano.it che contro l'attuale gestione dell'emergenza migranti "la protesta pacifica non solo è lecita, ma doverosa". Posizioni condivise da "Secours Catholique" (la Caritas Francese) e dai militanti solidali della rete No Borders di Ventimiglia, che hanno convocato per oggi pomeriggio un'assemblea cittadina "contro rastrellamenti e deportazioni". Per Suetta "la situazione è gestita in maniera ipocrita, si vuol far passare per 'accoglienza' politiche di respingimento in centri che spesso non sono 'di accoglienza', ma di detenzione o campi di concentramento". Nonostante i controlli continui e le identificazioni forzate, non accennano a diminuire i migranti presenti in città, in questo momento oltre 150, accampati poco sopra la riva del fiume Roya recentemente sgomberata dalla polizia municipale


Bravissimo il nostro vescovo, parole che fanno onore alla Chiesa Cattolica

la doppia foto é di Imperiapost

 
Ventimiglia, Hotel Terminus, solo dai no-border un sussulto di dignità
14 maggio 2016migranti-terminus
Angiolino Alfano Venne, Vide, Chiuse

Sotto, il Prefetto di Imperia Dottoressa Silvana Tizzano di fronte a questo scandalo, dopo l'infelice decisione di chiudere il centro della Croce Rossa.

Vai all'articolo di Riviera24.it
tizzano-preoccupata
 
Ci mancava l'ingegnere tedesco di nobile casata
14 maggio 2016 da Riviera24.it

Ventimiglia, i carabinieri arrestano il pusher della Val Nervia. Sotto le spoglie di un rispettabile ingegnere tedesco, si nascondeva un arguto spacciatore

Ventimiglia. Ha messo in pratica i suoi studi in ingegneria, Bernhard Friedrich Albrecht Von Roon, 64enne tedesco finito nelle celle di sicurezza della caserma dei Carabineiri di via Chiappori. Solo che, invece di dedicarsi alla costruzione di complicati meccanismi, come si addice alla sua qualifica di ingegnere elettronico, l'uomo ha creato un sistema (quasi) infallibile per nascondere la droga.

NAlbrecht_Von_Roonon aveva fatto i conti, però, con i militari del NORM al comando del Tenente Giovanni De Tommaso e del Maggiore Giorgio Sanna.
Dopo un'indagine fitta, durante la quale i Carabineiri di Ventimiglia, in collaborazione con i militari della stazione di Dolceacqua, hanno tratto in arresto il tedesco, colpevole di rifornire i giovani della Val Nervia di dosi di sostanza stupefacente.
A seguito di perquisizione domiciliare, Von Roon è stato trovato in possesso di 1,2 chilogrammi di hascisc suddiviso in 12 panetti. La sostanza, carabinieri-ventimiglia-ingegnerequasi pura, era nascosta in una lattina di birra da cinque litri modificata per diventare un insospettabile contenitore di droga. La base della lattina era stata tagliata e, al suo interno, rivestita di gomma piuma e cera d'api per rendere impossibile al fiuto dei cani dell'antidroga di individuare il reale contenuto della stessa. Ma il fiuto dei Carabineiri, dopo un'ora di perquisizione, li ha portati sulla strada giusta e lo spacciatore è stato smascherato. Nella sua abitazione in via al Castello (Dolceacqua), messa sottosopra dai militari, sono stati ritrovati anche un bilancino di precisione e tutto il materiale per il confezionamento della sostanza, oltre al un migliaio di euro in contanti di piccolo taglio, probabile provento dell'attività di spaccio.
Per l'uomo, residente a Bordighera ma domiciliato nel paese dei Doria sono scattate le manette. Oggi a mezzogiorno verrà giudicato presso il tribunale di Imperia, che terrà conto anche dei precedenti del tedesco, in passato macchiatosi di reati contro il patrimonio e danneggiamento.

Albrecht von Roon, un cognome che ha fatto la storia

 
Pizza&Rotti
Lessico per il futuro
Monopoli, Risiko, Imposimatto:digita cancelletto/catapulta/cancelletto
Alawiti, Sunniti, Sciiti, Webiti
Da Pizza&Rotti:quattro stagioni con cocci di vetro e fresatura d'alluminio
Forbes et Orbes
13 maggio 2016  XI Anno dell'Era Digitale
 
Ventimiglia respinti i primi migranti che cercavano un pasto al Centro in via di chiusura
migranti-lungoroya
Miserabili che non siamo altro
Rispetto a noi, questi sono dei Principi

10 maggio 2016

 
<< Inizio < Prec. 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 Succ. > Fine >>

Pagina 1 di 100
RocketTheme Joomla Templates